Menu principale

Riciclare un vecchio cellulare può salvare la vita a un bambino

vecchio cellulare
Aprire un cassetto, riciclare un vecchio cellulare, salvare la vita a un bambino.  O anche a uno scimpanzé, un albero, o più genericamente  la terra. E’ un gesto facile, anche se non così immediato.  Ogni casa ne è piena.  Telefonini vecchi, usati, rotti. Non ci servono più eppure potrebbero dar luce ad altre vite.

 LA CAMPAGNA DEL JANE GOODALL INSISTUTE

Quello che la campagna del Jane Goodall Institute ci invita a fare, scrive Repubblica.it, è prendere quei telefonini dismessi e riciclarli: nessuno guarderà cosa c’è dentro, saranno semplicemente riciclati per poterne estrarre un minerale prezioso, come il tantalio, che in zone del mondo come l’Africa è oggi alla base di sfruttamento dei bambini nel lavoro minorile delle miniere (40mila secondo l’Unicef), di deforestazione e perdita di habitat per scimpanzé e gorilla, di devastazione delle terre, di guerre in cui si armano i ribelli del Congo. Una campagna, quella per il recupero dei cellulari, già attiva da tempo: finora ne sono stati raccolti più di 1300 ma adesso – in occasione dell’Adventure Awards Festival ad Arco di Trento dal 20 al 22 aprile – l’iniziativa viene rilanciata per chiedere a chiunque uno sforzo maggiore.

COME RICICLARE UN CELLULARE 

Una volta ritrovato il vecchio compagno di conversazioni o messaggini abbandonato alla polvere il primo passo che si può fare è controllare questa mappa. E’ quella dei centri di raccolta del JGI in cui potete portarlo. Se invece, vicino a voi, non c’è un punto di recupero “la cosa migliore è organizzarsi – dice De Donno -. Già oggi scuole, istituti, ma anche parrucchieri, ristoranti o negozi lo fanno: ne raccolgono un po’ fra amici, colleghi, clienti e poi – raggiunto un numero consistente – o ci chiamano, con alcuni dei nostri volontari vicini che vengono a prendere i telefonini, oppure li portano in un punto di  recupero”. E’ chiaro, sottolinea la presidente, che “anche un solo telefono usato è utile, ma recuperarne più di uno contribuisce maggiormente”.

DOVE FINISCONO 

Una volta recuperati i telefonini usati tramite JPI vanno a ditte internazionali certificate che collaborano al progetto per lo smaltimento e il recupero dei metalli. In base ai chili raccolti queste aziende, inoltre,  fanno una donazione al Jane Goodall Institute: “Questi soldi li usiamo per  sostenere in primis l’istruzione, le spese mediche e alimentari di bambini orfani che vivono nella “Casa del bambino di Sanganigwa” in Tanzania, un progetto globale con cui miriamo a far crescere questi bambini come individui preparati e autonomi, cittadini attivi e promotori di sviluppo nel loro territorio”. Una volta cresciuti saranno loro a proteggere la terra che oggi devastiamo per il progresso tecnologico.

SALVARE L’AMBIENTE

L’altro risvolto positivo del recupero dei cellulari è poi l’impatto che questo può avere sull’ambiente. In Africa, dove nelle miniere del Congo a volte i minatori di tantalio vengono perfino pagati a peso. “E passano le settimane prima di raccogliere un grammo”. Le miniere stanno deforestando e privando gli scimpanzé e altri primati a rischio estinzione  dei loro habitat. Contribuire al riciclo di coltan e affini dunque, “può porre un grande freno ai ritmi dell’estrazione”. Quelle dell’Europa, secondo un rapporto Onu,  quindi le “miniere cittadine” di metalli e minerali di valore estraibili dai rifiuti tecnologici,  sono il 23% del mondo e hanno un valore stimato intorno ai 14 miliardi di dollari. La base di queste “miniere” è  nelle case di tutti noi: è sufficiente aprire il cassetto e salutare per sempre quel vecchio cellulare che non ci serve più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
torna su

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.