Menu principale

E’ primavera, la stagione in cui la natura rinasce

primavera

E’ primavera. La stagione in cui la natura rinasce. E forse anche lo spirito. Al termine di un inverno contraddistinto da un colpo di coda gelido, a causa del vento siberiano Buran che ha portato neve abbondante, l’arrivo della stagione mite è più che mai apprezzato.

RISCOPRIRE IL CONTATTO CON LA NATURA

Cresce la voglia di riscoprire il contatto con la natura e respirare l’aria fresca di questa stagione di mezzo, un periodo che rinnova profumi e colori nei parchi, per le strade e sui balconi delle case. La natura torna protagonista dopo il letargo invernale.

PRIMAVERA NELLA MITOLOGIA GRECA

Già nella mitologia greca, ricorda focus.it, si raccontava questa rinascita attraverso il mito di Persefone, moglie di Ade, che in inverno restava negli Inferi con il compito di regina dell’oltretomba. All’arrivo della primavera Persefone tornava sulla Terra per andare dalla madre Demetra e al suo passaggio faceva rifiorire piante e fiori.

LA RINASCITA DELLE PIANTE

Anche le piante hanno un loro letargo che si chiama “riposo vegetativo” . La condizione in cui le funzioni vegetali sono limitate e di conseguenza le piante necessitano di meno cure. Per preservare le piante sul balcone o in giardino è necessario riporle in un luogo protetto dalle intemperie. Annaffiarle solo quando il terriccio è secco, quando possibile,  coprirle con un telo, da rimuovere verso l’arrivo dell’estate.

QUALCHE ESEMPIO

Forsizia, primula, camelia, glicine, ma anche mandorlo, ciliegio (ne sono un esempio gli splendidi ciliegi giapponesi) e biancospino: queste sono alcune piante della prima profumata e colorata fioritura primaverile. Tra le erbe aromatiche e officinali che fioriscono in primavera ci sono malva, ortica, anice stellato, salvia, sambuco, timo, eucalipto e numerose altre.

IDEALI PER DECORARE IL BALCONE DELLA PROPRIA ABITAZIONE

Molte tra queste piante aromatiche sono perfette sia per colorare il balcone di casa che per tenere a portata di mano ingredienti da utilizzare. La salvia e il timo, ad esempio, sono tra le piante aromatiche che si usano maggiormente per le ricette. Facilii da coltivare e mantenere, queste erbe non necessitano di grandi cure, ma solo di luce e un po’ di acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
torna su

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.